022 361 33 00

Implantologia

FAQ

L’implantologia orale – o implantologia dentale permette di ricostruire gli elementi dentali perduti inserendo viti in titanio (radice artificiale).

Cosi come una casa è sorretta dalle sue fondamenta, la corona di un dente (la parte bianca) è sostenuta da una radice (nascosta sotto la gengiva).

Quando un dente viene estratto l’unico modo per rimpiazzarlo (senza distruggere i denti vicini con un ponte) è di rimettere un dente (la casa) che è poggiato su un impianto (le fondamenta).

In presenza di precise indicazioni è possibile, in un’unica seduta, applicare sia gli impianti sia i denti ad essi connessi e quindi consentire  una normale masticazione già dopo l’inserimento dell’impianto (procedura dell’impianto a carico immediato).

Vi manca un dente ?

Ormai non è piu’ necessario farsi limare dei denti sani per fare un ponte, un impianto puo’ efficacemente sostituire il dente mancante senza toccare i denti vicini.

Vi mancano dei molari ?

La perdita di uno o piu’ molari è una grave menomazione della capacità masticatoria e spesso il ponte non è nemmeno possibile. Non vi resta allora  che  ricorrere ad una dentiera parziale che non sarà mai stabile, funzionale ed estetica come i denti perduti.

Gli impianti dentali sostituiscono i molari mancanti in maniera piu’ stabile e duratura con un confort pari ai denti naturali.

Utilizzando denti completamente in ceramica anche l’estetica è perfettamente ripristinata.

Tornerete cosi a mangiare di gusto tutto quello che desiderate.

  • Gli impianti sono sicuri ?

Gli studi scientifici hanno dimostrato che oltre il 90% degli impianti sono in perfette condizioni anche dopo 10 anni. Non esiste nessun altro trattamento odontoiatrico che possa vantare le stesse percentuali di successo.

  • Siete edentuli ? (mancanza di tutti i denti)

Non accontentatevi di una dentiera mobile che dovete stabilizzare con la colla e che vi copre tutto il palato togliendo il gusto ai cibi. Sono sufficienti da 4 a 6 impianti per tornare ad avere dei denti fissi in 24 ore. Leggete la sezione sull’implantologia computer guidata ed il protocollo di carico immediato e vi entusiasmerete all’idea di riavere subito e senza sofferenza i vostri denti fissi.

  •  Quali sono le alternative agli impianti :

La dentiera o   il ponte fisso sono le vie classiche per sostituire i denti mancanti. Grazie alla tecnologia implantare queste soluzioni sono pressochè obsolete.

  •  Se non sostituisco i denti che ho perso ?

Perdere un dente e pensare di non rimpiazzarlo o pensare di sostituirlo dopo qualche anno ha delle conseguenze talvolta di difficile soluzione.

I denti vicini si spostano.

I denti dell’altro mascellare, non trovando un dente su cui battere, escono lentamente dall’osso.

L’osso dove c’era il dente perso scompare rendendo, già dopo pochi mesi, l’inserimento di un impianto piu’ complicato.

Inserire subito un impianto dentale permette di evitare gli spostamenti degli altri denti, di preservare l’osso e di ripristinare immediatamente la masticazione e con essa la sensazione di confort e sicurezza in tutti i momenti della vostra giornata.

  • Di cosa sono fatti gli impianti ?

Gli impianti attuali sono in una lega di titanio (alcuni in ossido di zirconio) che garantisce una perfetta accettazione da parte dell’organismo (biocompatibilità).

  • Esiste il riggetto ?

No, la biocompatibilità degli impianti in titanio è del 100%

  • Esistono casi di fallimento ?

Si.  In una percentuale estremamente bassa (circa il 3%) puo’ non verificarsi l’ostiointegrazione (l’unione) tra l’impianto e l’osso. In questi casi è sufficiente rimpiazzare l’impianto. Questa sostituzione viene fatta gratuitamente.

  • Ci possono essere problemi a lungo termine ?

Il problema piu’ grave che si possa avere attorno ad un impianto è un infezione.

Come è possibile avere una infezione attorno ad un dente (parodontite) causata dall’accumulo di batteri dovuto ad una non corretta igiene, è anche possibile avere un’infezione attorno ad un impianto (perimplantite) se non si attuano le corrette misure di igiene quotidiana. In altre parole se si puliscono correttamente i denti e gli impianti il rischio di complicazioni a lungo termine è davvero ridotto.

  • Ci possono essere eventuali complicanze  legati all’intervento ?

La posa di un impianto è un trattamento delicato, molto meno traumatico dell’estrazione del dente. Le eventuali complicazioni generiche sono del tutto sovrapponibili a qualsiasi altro trattamento odontoiatrico.

Possibili complicanze locali specifiche sono legate alla possibilità di esporre il seno mascellare o al trauma su qualche nervo. Un corretto ed accurato piano di trattamento minimizza questi possibili rischi.

Tutti possono avere gli impianti?

No. Esistono situazioni che controindicano l’utilizzo degli impianti.

-Ci sono controindicazioni assolute ovvero che impediscono categoricamente l’utilizzo degli impianti come l’assunzione di certi farmaci (come i bifosfonati per il trattamento dell’osteoporosi), la radioterapia dei mascellari nella cura dei tumori, forme gravi di emofilia e disturbi psichiatrici gravi.

-Ci sono poi delle controindicazioni relative ovvero che possono essere risolte e consentire poi di inserire degli impianti come un buono stato di igene bucco-dentale (assenza di infezioni gengivali e di carie), controllo della glicemia (diabete), disordini metabolici e della coagulazione.

-Ci sono delle situazioni locali che richiedono un trattamento preventivo alla posa degli impiati come la risoluzione di un’infezione o la scarsa disponibilità ossea (veggi la sezione sull’aumento osseo)

-Ci sono delle situazioni che non controindicano l’uso degli impianti ma aumentano i rischi di fallimento come un consumo eccessivo di tabacco.

  • Come si svolge l’intervento ?

La fase preliminare consiste nel raccogliere informazioni sulla stato di salute e sulla situazione locale sella zona che accoglierà l’impianto : dimensione e densità ossea, qualita e qualtità di gengiva, rapporto con i denti vicini ed antagonisti, rapporto del sito di impianto con le strutture anatomiche delicate come nervi e seno mascellare.

Una volta che le informazioni sono state elaborate il piano di trattamento, le possibili alternative e gli eventuali rischi specifici vengono discussi con il pazente e trovata assieme la soluzione piu’ soddisfacente si programma la seduta operatoria.

L’intervento si esegue nello studio dentistico e con una anestesia locale. Con strumenti appositi il chirurgo prepara l’alloggiamento dell’impianto in maniera delicata e senza alcun fastidio. Una normale attività puo’ essere ripresa dal giorno successivo.

Il decorso post-operatorio classico è molto leggero anche se è possibile un leggero rigonfiamento della parte interesata.

Leggere la sezione sull’implantologia a carico immediato.

  • Da sapere

Il trattamento implantare a cui vi state per sottoporre è un investimento per il vostro sorriso ed il vostro benessere e dovrebbe poter durare per il resto della vostra vita.

Affinché questo sia possibile é’ indispensabile prendersene cura adeguatamente.

Sarà necessario effettuare due visite di controllo l’anno ed eseguire regolarmente l’igiene professionale e le radiografie di controllo.

Un’accurata igiene domiciliare è indispensabile e prevede non solo lo spazzolamento corretto dei denti e degli impianti ma anche -obligatoriamente- la pulizia interdentale (scovolino e/o filo).

Il vostro medico vi darà le istruzioni necessarie per una manutenzione domiciliare efficace.

La buona riuscita a lungo termine del trattamento dipende in buona parte da voi e dalla maniera appropiata di mantenere costantemente una buona igiene.

  • L’AUMENTO OSSEO

Conosciuto con l’acronimo inglese di Guided Bone Regeneration (GBR), raggruppa tutte le tecniche e le procedure atte a ripristinare un corretto volume osseo in vista dell’inserimento di una radice artificiale (impianto).

La radice artificiale, cosi’ come la radice naturale del dente, ha bisogno di un supporto adeguato cosi’ come le fondazioni di una casa hanno bisogno di un terreno solido per sorreggere il fabbricato (il dente).

Abonnez-vous à notre newsletter

Nous vous avons envoyé un e-mail et confirmons votre inscription à la newsletter. Merci!



En continuant à utiliser le site, vous acceptez l’utilisation des cookies. Plus d’informations

Les paramètres des cookies sur ce site sont définis sur « accepter les cookies » pour vous offrir la meilleure expérience de navigation possible. Si vous continuez à utiliser ce site sans changer vos paramètres de cookies ou si vous cliquez sur "Accepter" ci-dessous, vous consentez à cela.

Fermer